Dr. Giovanni Borio

Asma

Soffro d'asma: comprendo la mia malattia

L'asma è una malattia infiammatoria cronica delle vie respiratorie che può sopraggiungere a qualsiasi età e colpire tutti.

A cosa è dovuta l'asma?

L'asma è una malattia dovuta ad un'infezione cronica delle vie respiratorie che provoca ipersensibilità e può ostruire i bronchi, rendendo difficoltosa la respirazione.

Attraverso quali segni può manifestarsi l'asma?

L’asma provoca:

  • Dei sibili respiratori.
  • Un'oppressione toracica.
  • Un respiro affannoso.
  • Una tosse, in particolare la notte, nelle prime ore del mattino o in presenza di sforzo.

Questi segni sono più o meno intensi e frequenti in base alle persone e ai periodi. Possono manifestarsi attraverso una crisi oppure persistere nel tempo. Cessano spontaneamente, o sotto l'azione di un trattamento specifico.

Che cosa può scatenare l'asma?

Le allergie: i pollini, alcuni alimenti, gli acari, le blatte, gli animali domestici, le muffe…
Il fumo.
Le infezioni: la bronchite, l'influenza, le infezioni otorinolaringoiatriche…
Il clima: il freddo, la nebbia...
Gli irritanti: gli spray, i solventi, le vernici, l'inquinamento atmosferico, gli irritanti industriali.
Le emozioni, lo stress.
Alcuni farmaci (l'aspirina, gli antinfiammatori non steroidei, i betabloccanti...).

Come si evolve l'asma?

Sebbene non si possa parlare di guarigione, l'asma può essere facilmente controllata e non impedisce di condurre una vita normale.

Redazione a cura di "Malice & Co. (Francia)". Traduzione e revisione a cura del Dott. Fabio Pilato.

Mi comporto correttamente in caso di attacco d’asma

È essenziale adottare un buon approccio per trattare la crisi d’asma nel modo migliore. Ci sono alcuni segni che metteranno in allerta Lei o le persone che Le stanno vicino.

Cosa succede durante una crisi d’asma?

Quando si respira, l’aria circola nei polmoni attraverso dei condotti: i bronchi ed i bronchioli. Durante una crisi d’asma, i muscoli dei bronchioli si contraggono, il loro diametro diminuisce e aumenta la secrezione di muco. Tutto ciò ostruisce i bronchi e causa un respiro sibilante, molto caratteristico, oltre a una sensazione di soffocamento.

Come si riconosce una crisi d’asma?

Il respiro è corto e sibilante, e la persona affetta si sente soffocata e senza fiato. È difficile parlare, si prova un senso di oppressione e inquietudine. Si può presentare una tosse secca, soprattutto di notte quando ci si alza o si compie uno sforzo. Questi segnali La avvertiranno dell’insorgenza di una crisi d’asma.

In che modo devo reagire?

Alla comparsa dei primi segni, è necessario inalare il broncodilatatore abituale, seguendo le indicazioni del Suo medico curante. Si tranquillizzi. Si sieda e respiri lentamente e profondamente.

Come posso valutare la gravità della crisi?

Se si presenta uno dei seguenti casi, chiami immediatamente il pronto soccorso o il 118 da un telefono cellulare.

● Nessun miglioramento dopo mezz’ora dall’inalazione del broncodilatatore (la cui applicazione andrà ripetuta ogni 5-10 minuti a seconda delle indicazioni fornite dal Suo medico).

● Impossibilità di pronunciare una frase completa senza riprendere respiro.

● Pelle cianotica su labbra e unghie.

● Traspirazione abbondante.

● Sintomi di spossatezza.

È necessario prendere precauzioni a lungo termine. Il trattamento di fondo non deve essere trascurato una volta superata la crisi. Eviti per quanto possibile i fattori di rischio che provocano la crisi d’asma, ad esempio il fumo e la presenza di animali in casa.

Redazione a cura di "Malice & Co. (Francia). Revisione a cura del Dott. Fabio Pilato.

Soffrire di asma e di rinite allergica

L’asma e la rinite allergica sono strettamente correlate. Circa otto persone che soffrono di asma su dieci presentano rinite allergica associata. Perchè?

Soffro di asma e di rinite allergica. Si tratta della stessa malattia?

L’asma è una malattia infiammatoria cronica dei bronchi mentre la rinite allergica è un’infiammazione del naso.
L’infiammazione interessa quindi sia le alte vie respiratorie (naso) che le basse vie respiratorie (bronchi).
L’asma e la rinite allergica possono avere dei fattori allergizzanti comuni che sono responsabili di scatenare la malattia.
Pollini, peli di animali, acari, muffe …
Altri elementi possono intervenire e aggravare spesso la malattia
Tabacco
Agenti inquinanti (prodotti tossici in ambito professionale)
Infezioni virali
Alcuni medicinali (aspirina, antinfiammatori non steroidei)

La rinite allergica può aggravare l’asma?

Sì. Nelle persone asmatiche che presentano rinite allergica associata si osserva una maggior frequenza di crisi d’asma, di ospedalizzazioni e di ricoveri d’urgenza, nonché un maggior ricorso a « medicinali per l’attacco », rispetto a quanto avviene nei pazienti che soffrono esclusivamente di asma.
Una rinite allergica non trattata può quindi aggravare l’asma.
La rinite allergica può alterare la qualità di vita delle persone che soffrono di asma in modo rilevante, in quanto ha un impatto sul sonno, sulle attività sociali, professionali, scolastiche…

Curare la rinite allergica può migliorare l’asma?

Sì. Una buona gestione della rinite allergica può migliorare l’asma ad essa associata.
L’asma e la rinite allergica devono essere curate contemporaneamente.

Redazione a cura di "KWHC GmbH” (Germania). Revisione: Paolo Spriano, Medico di Medicina Generale, Milano. Ultima revisione giugno 2014.